sabato , 20 ottobre 2018

Home » Scienze » Il Nobel per la medicina ai precursori della immunoterapia contro il cancro

Il Nobel per la medicina ai precursori della immunoterapia contro il cancro

ottobre 1, 2018 11:45 pm Category: Scienze, Zoom On A+ / A-

James Allison del MD Anderson Cancer Center dell’Università del Texas a Houston e Tasuku Honjo dell’Università di Kyoto, in Giappone, hanno vinto il premio Nobel per la medicina per aver scoperto nuovi modi utili al fine di rimuovere i “freni” del sistema immunitario che impediscono di attaccare le cellule tumorali.

Tali immunoterapie tumorali hanno rivoluzionato il trattamento di alcuni tipi di tumore, causando in alcuni pazienti una regressione praticamente totale in tumori precedentemente non trattabili. Nell’atto di attribuire l’ambito premio ai vincitori, l’Assemblea del Nobel riunita al Karolinska Institute di Stoccolma ha annunciato che: “James Allison ha studiato una proteina nota per la sua funzione di freno al sistema immunitario, ed è riuscito a far si che questo freno venga allentato così da rilasciare il potenziale delle nostre cellule immunitarie, libere quindi di attaccare i tumori .

In parallelo, Tasuku Honjo ha scoperto un’altra proteina delle cellule immunitarie, anch’essa con una funzione di “freno” ma con un diverso meccanismo di azione e, dopo un’attenta esplorazione della sua funzione, le terapie basate sulla sua scoperta si sono rivelate sorprendentemente efficaci per la lotta contro il cancro.

La storia dei due scienziati vincitori del Nobel è una storia di ricerca lunga vent’anni e culminata con il premio del 2018. Le scoperte di Allison si fondano sul lavoro degli immunologi francesi degli anni ’80 che studiavano le cellule T, componenti del sistema immunitario, che attaccano le cellule che il corpo riconosce come estranee identificando un recettore chiave sulla superficie delle cellule T che hanno chiamato antigene T-linfocitario citotossico 4 o CTLA-4. Allison e altri hanno scoperto che il recettore mette i freni sulle cellule T, impedendo loro di lanciare attacchi immunitari completi. Qui nasce l’idea in Allison di inibire il freno della molecola CTLA-4, nella speranza che tale inibizione permetta al sistema immunitario di distruggere le cellule tumorali.
Puntare al sistema immunosoppressore del corpo come strumento per sconfiggere i tumori, è questo nuovo approccio che informa le idee e metodologie di James Allison, il quale, nel 1996, pubblica un articolo su Science che mostra come gli anticorpi contro la CTLA-4 cancellino i tumori nei topi. Tuttavia la risposta delle aziende farmaceutiche è fredda, diffidando dei possibili effetti collaterali e anche di un approccio così diverso dai trattamenti definiti di protocollo di chirurgia, radioterapia o chemioterapia. La sperimentazione dell’anti-CTLA-4 nelle persone viene adottata nel 1999 da una piccola società di biotecnologie, la Medarex, a Princeton, nel New Jersey che ne acquisisce i diritti.

Concept dell’immunoterapia di Ryo Tachibana

Tasuku Honjo, nel frattempo, nei primi anni ’90 scopre una molecola presente nelle cellule T morenti, che chiama “morte programmata 1”, o PD-1;  PD-1 viene identificata come un altro freno sulle cellule T. Inizialmente, “non mi ero reso conto che ci fosse una connessione al cancro“, ha detto Honjo alla conferenza stampa di oggi. Più tardi, tuttavia, lo scienziato giapponese e altri gruppi di ricerca hanno eseguito esperimenti chiave dimostrando che la molecola debba essere un bersaglio nelle terapie contro il cancro. I primi risultati sugli studi clinici che utilizzavano PD-1 si rivelano ancora più drammatici di quelli con la CTLA-4. Numerosi pazienti con tumori metastatici-tumorali diffusi in più siti nel corpo erano apparentemente completamente guariti. E gli effetti collaterali sembravano più miti di quelli osservati con le terapie CTLA-4.

Il momento è giusto“, ha affermato a una conferenza stampa Klas Kärre, un immunologo presso il Karolinska Institute e membro del Nobel Committee. “Il primo farmaco approvato basato su questo trattamento è arrivato nel 2011. I pazienti sono stati trattati per diversi anni e ora possiamo vederne i risultati a lungo termine. È molto convincente.

Alcuni tipi di tumore sono più resistenti all’immunoterapia; in altri casi, i pazienti mostrano evidenti segni di miglioramento per poi improvvisamente smettere di rispondere al trattamento. I primi studi suggeriscono che la combinazione di diverse immunoterapie, o potenzialmente di trattare i pazienti con i farmaci subito dopo la diagnosi, possa essere una soluzione. “Voglio continuare questa ricerca in modo che in futuro questa terapia contribuisca a curare quanti più pazienti possibile“, ha dichiarato Honjo oggi a Kyoto. “Abbiamo bisogno di determinare perché questa terapia immunitaria non funziona in alcuni casi.”

È probabile che ulteriori ricerche estendano la gamma di tumori che rispondono all’immunoterapia. Credo che questa malattia sarà curata entro la fine di questo secolo. Tasuku Honjo

La vittoria del premio Nobel sembra destinata a rafforzare il campo e spingere gli scienziati a riconsiderare il più ampio potenziale dell’immunoterapia.Gli effetti di queste scoperte possono portare enormi benefici a tutta la biologia, il nuovo approccio strategico può avere un enorme impatto sulle malattie autoimmuni.” afferma Shannon Turley, immunologo della Genentech. La comunità scientifica fa da eco all’entusiasmo generale verso il nuovo approccio strategico così come Myiam Merad, immunologa alla Icahn School of Medicine di Mount Sinai in New York City, quando afferma:”Questa è l’immunoterapia delle malattie umane”, non solo per il cancro“.

scroll to top
TimeStars