sabato , 20 ottobre 2018

Home » Robotica » I robot creeranno 60 milioni di posti di lavoro ma…

I robot creeranno 60 milioni di posti di lavoro ma…

settembre 20, 2018 7:52 am Category: Robotica, Zoom On A+ / A-
Il mondo sta attraversando una rivoluzione silenziosa sotto l’aspetto del mondo del lavoro, un cambiamento radicale nella relazione tra esseri umani, macchine e algoritmi.  Secondo quanto emerge dal rapporto The Future of Jobs 2018 del World Economic Forum, entro il 2025 più della metà di tutte le attuali mansioni sul posto di lavoro saranno eseguite da macchine rispetto al 29% di oggi. Tale trasformazione avrà un profondo effetto sulla forza lavoro globale, tuttavia in termini di numero complessivo di nuovi posti di lavoro le prospettive sono positive, con 133 milioni di nuovi posti di lavoro che dovrebbero essere creati entro il 2022 rispetto ai 75 milioni che saranno persi.
Sulla base di un’indagine condotta tra i principali funzionari delle risorse umane e tra i dirigenti strategici di aziende di 12 industrie e 20 economie sviluppate ed emergenti (che rappresentano collettivamente il 70% del PIL globale), il rapporto rileva che il 54% dei dipendenti di grandi aziende avrebbe bisogno di riqualificazione per sfruttare appieno le opportunità di crescita offerte dalla quarta rivoluzione industriale. Allo stesso tempo, poco più della metà delle aziende oggetto della ricerca ha dichiarato di aver pianificato di avvalersi solo di quei dipendenti che ricoprono ruoli chiave mentre solo un terzo ha pianificato di riqualificare i lavoratori a rischio. Quasi il 50% di tutte le aziende prevede una riduzione della forza lavoro a tempo pieno entro il 2022 a causa dell’automazione, mentre quasi il 40% prevede di estendere la propria forza lavoro in generale e più di un quarto si aspetta che l’automazione crei nuovi ruoli nella propria azienda.

 

Trend futuro delle figure professionali

 

È fondamentale che le imprese svolgano un ruolo attivo nel supportare la forza lavoro esistente attraverso la riqualificazione e la formazione, che gli individui adottino un approccio proattivo alla propria formazione permanente e che i governi creino un ambiente favorevole per facilitare questa trasformazione della forza lavoro. Questa è la sfida chiave del nostro tempo “, ha affermato Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum.

Tra i set di ruoli destinati a sperimentare una crescente domanda in tutti i settori industriali vi sono analisti di dati e scienziati, sviluppatori di software e applicazioni e specialisti di e-commerce e social media, tutti ruoli che sono significativamente basati o potenziati dalla tecnologia. Anche i ruoli che fanno leva distintamente sulle “abilità umane”, come le vendite e le professioni di marketing, i manager dell’innovazione e gli addetti all’assistenza clienti, sono destinati a sperimentare una domanda crescente. I lavori che si prevede diventino ridondanti includono impiegati di inserimento dati, impiegati di contabilità e buste paga.

All’interno del gruppo di aziende oggetto della ricerca, gli intervistati hanno previsto un calo di 984.000 posti di lavoro e un guadagno di 1,74 milioni di posti di lavoro tra il 2022 e il 2025. L’estrapolazione di queste tendenze tra quelle impiegate dalle grandi imprese nella forza lavoro non agricola delle 20 economie coperte dalla relazione suggerisce che 75 milioni di posti di lavoro possono essere sostituiti da uno spostamento nella divisione del lavoro tra umani, macchine e algoritmi, mentre potranno crearsi 133 milioni di nuovi ruoli più adatti a questa nuova divisione del lavoro. Sarà un cambiamento significativo nella qualità, ubicazione, formato e permanenza di nuovi lavori. In effetti, le aziende sono destinate ad ampliare il ventaglio di figure specializzate impegnando i lavoratori in accordi più flessibili, utilizzando personale a distanza e modificando i luoghi in cui opera la loro organizzazione per garantire l’accesso ai talenti. I lavoratori richiederanno nuove serie di abilità poiché la divisione del lavoro tra gli uomini e le macchine continuerà ad evolvere. Le aziende intervistate riportano che oggi il 71% delle ore di attività totali sono eseguite dagli esseri umani, rispetto al 29% delle macchine. Entro il 2022, questa media dovrebbe passare al 58% delle ore di lavoro eseguite dagli esseri umani, il 42% delle macchine.

Impiego delle diverse forme di robot

Tutti i settori industriali prevedono considerevoli carenze di competenze, l’industria dell’aviazione, dei viaggi e del turismo sono i segmenti che più necessiteranno di riqualificazione nel periodo 2018-2022. Le lacune nelle competenze sono anche una preoccupazione particolare anche nei settori dell’Information & Communication Technology, dei servizi finanziari e degli investitori e delle miniere e dei metalli. L’ampio settore della mobilità ha meno probabilità di rivedere i propri dipendenti attuali, mentre i leader aziendali nei settori Global Health & Healthcare, Chemistry, Advanced Materials e Biotechnology hanno più probabilità di riqualificare i propri lavoratori. “Conoscere quali occupazioni sono in crescita e in declino a livello globale è un punto di partenza per politici, educatori e datori di lavoro per avviare conversazioni su come trasferire la forza lavoro globale ai lavori e alle competenze di domani“, afferma Allen Blue, co-fondatore di LinkedIn. “Per aiutare le persone a connettersi a opportunità economiche a livello individuale, è importante mappare e comprendere le dinamiche attuali del mercato del lavoro su larga scala“. Se gestita bene, una combinazione di riqualificazione e l’ampliamento di una serie di attività oggi può creare l’opportunità di una nuova crescita più elevata della produttività. Ad esempio, si prevede che la gestione e le attività fisiche siano sostituite significativamente dal lavoro meccanizzato, lasciando spazio agli umani per concentrarsi su compiti di produttività più elevati.

 

scroll to top
TimeStars